IMS HEALTH AL WORKSHOP “BIOLOGICAL DRUGS: OPPORTUNITIES AND INNOVATION”

IMS Health al workshop “Biological Drugs: Opportunities and Innovation”

Dal 6 al 12 ottobre nell’Insubrias Biopark Auditorium avrà luogo la seconda edizione della European Biotech Week, evento promosso da Assobiotec per evidenziare le potenzialità delle biotecnologie come strumento per creare innovazione e uno sviluppo più sostenibile.

L’8 ottobre, all’interno dell’iniziativa “Open Doors”, il workshop intitolato Biological Drugs: Opportunities and Innovation esplorerà le opportunità offerte dalla ricerca e dallo sviluppo di farmaci biologici, nel contesto di una domanda sempre crescente di prodotti innovativi e nella direzione di una medicina sempre più personalizzata e orientata al raggiungimento di migliori risultati clinici. IMS Health aprirà questo workshop, presentando un overview del mercato dei farmaci biologici.

MONDO – I farmaci biologici sperimentano una crescita costante delle vendite negli ultimi anni, superiore a quella del settore farmaceutico nel suo complesso e in grado di influenzare la definizione dei budget per il settore healthcare. Il trend positivo è riscontrabile non solo nei mercati maturi – Stati Uniti ed EU5 -, in cui si realizza il 70% circa delle vendite, ma anche nei “pharmerging markets” (contributo minore, ma in costante aumento).

Si tratta inoltre di un mercato fortemente concentrato, anche a causa delle complessità di realizzazione e sviluppo clinico del prodotto: il 70% del venduto è prodotto dalle prime 10 compagnie bio-farmaceutiche.

Le aree di trattamento in cui i prodotti biologici sono maggiormente utilizzati sono la cura contro il cancro, le malattie infettive e infiammatorie, i vaccini; il peso maggiore è da attribuirsi ad anti-TNF e insulina.

IMS Health al workshop “Biological Drugs: Opportunities and Innovation”

ITALIA – Nel nostro paese, le prime 10 compagnie bio-farmaceutiche realizzano più del 65% del totale mercato. Per il mercato dei  prodotti biologici, analogamente a quanto accade nel resto del mondo, gli anticorpi monoclonali (mAb) registrano la crescita maggiore, rappresentando il 28% circa delle vendite totali (vs il 31% a livello mondiale); seguono, a distanza, proteine e polipeptidi.

BIOSIMILARI – Ci sono vari aspetti che le aziende farmaceutiche devono considerare nel momento in cui sviluppano un farmaco biosimilare, tra cui il quadro normativo, l’accesso al mercato e la capacità di vincere le resistenze degli stakeholder, oltre ai già citati costi di realizzazione e sviluppo clinico del prodotto.

In riferimento al primo punto, nel complesso, quello che si presenta oggi è un mercato fortemente frammentato dal punto di vista regolatorio, disomogeneità che si riscontra sia a livello globale che sul territorio italiano.

Aggiornamento 10/2014

linkedin twitter email