IMS HEALTH PARTECIPA ALLA CONFERENZA NAZIONALE DISPOSITIVI MEDICI. COME ARRIVARE AD UNA CODIFICA CONDIVISA?

POSTATO IN DISPOSITIVI MEDICI
A cura di Laura Gatti

IMS Health partecipa alla Conferenza Nazionale Dispositivi Medici. Come arrivare ad una codifica condivisa?

Alla VIII Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici che si è tenuta a Roma il 17/18 Dicembre 2015 IMS Health è stata presente con un convegno satellite sul tema: L’importanza di una codifica condivisa per l’acquisto e il monitoraggio dei dispositivi medici in ambito ospedaliero.

La codifica dei dispositivi medici è un tema molto sentito da tutte le Aziende Sanitarie che devono definire i propri fabbisogni, indire i bandi di gara e tracciare il materiale lungo tutto il processo di approvvigionamento, utilizzo e fatturazione.

Il Ministero attraverso la creazione della Bancadati/Repertorio e della Classificazione Nazionale Dispositivi (CND) ha offerto, con uno sforzo importante, un significativo miglioramento verso la catalogazione di questi prodotti, numerosissimi e molti diversi fra di loro.

Al momento questi strumenti, per diverse categorie di dispositivi, non sono sufficientemente dettagliati per abilitare una compilazione esaustiva dei documenti amministrativi (come i bandi di gara) o consentire una descrizione completa in fase di stoccaggio ed utilizzo.

Come ben sottolinea la Dr.ssa Zuzzi, Presidente F.A.R.E., i problemi da affrontare sono ancora molti in questo ambito, non per ultimo quello informatico dovuto alla scarsa flessibilità dei gestionali amministrativi contabili.

È proprio da questi gestionali che IMS Health raccoglie gli archivi anagrafici dei dispositivi medici, per valutarne la completezza e l’accuratezza in termini di codifica. Seppure ad oggi già oltre il 90% dei dispositivi medici riconosciuti sono stati codificati e allineati al Repertorio, le aree di miglioramento sono ancora molte, come mostra il case history su 70 Aziende presentato al Convegno dalla Dr.ssa Martino, Project Manager IMS Health.

Il mercato dei dispositivi medici In Italia: l’ospedaliero vale circa 5,6 MLD con un trend stabile

Il Convegno ha visto poi il confronto tra le esperienze con cui diverse realtà regionali stanno affrontando e superando in modo più o meno esaustivo il problema delle codifiche.

La Dr.ssa Losco, della Direzione Centrale Committenza Sanità di SO.RE.SA, ha illustrato come le Aziende e Regione campane hanno superato i vuoti ancora presenti nel sistema, passando dalla adozione pragmatica di una anagrafica presente su un database esterno, quello in via di completamento ma già molto efficace proposto da parte della società Farmadati.

La Dr.ssa Ferro, responsabile della Logistica nell’AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, ha illustrato infine il modello Piemonte ove ci si è dati come obiettivo sfidante la costruzione di un modello semantico omogeneo ed universale per rafforzare il sistema della CND.

IMS Health non può che guardare con interesse a queste esperienze poiché è oggi nella fase di costruzione di un database sui consumi dei dispositivi ospedalieri che sarà presto disponibile per gli operatori di questo complesso mercato e condivide quindi con la pubblica amministrazione la necessità di definire in dettaglio COSA esattamente viene utilizzato e quali sono i mercati omogenei su cui fornire informazioni utili.

Aggiornamento 12/2015

linkedin twitter email

2017-04-06T11:12:17+01:00 Categorie: DISPOSITIVI MEDICI|Tag: , |