MENO INGRESSI MA PIÙ SPESA. L’EVOLUZIONE DEGLI ACQUISTI IN FARMACIA NEL PRIMO SEMESTRE 2017

POSTATO IN CONSUMER HEALTH
A cura di Simona Tarquini, Offering Manager, IQVIA

Meno ingressi ma più spesa. L’evoluzione degli acquisti in farmacia nel primo semestre 2017

Sempre più spesso ormai i riflettori si accendono sulla farmacia italiana, sia per motivi di mercato che economici e politici. Non dobbiamo dimenticarci, tuttavia, che al centro dell’attenzione rimane sempre il paziente-consumatore, che si rivolge al farmacista per chiedere consigli e conferme sulle cure e le terapie prescritte. Non solo, con il proprio farmacista il paziente può mantenere un rapporto aperto e continuativo.

Dall’analisi degli scontrini è stato possibile tracciare i comportamenti di acquisto della popolazione italiana in base alle caratteristiche qualitative e territoriali delle farmacie.

Dal confronto tra il primo semestre degli anni 2016 e 2017 risulta che un numero inferiore di persone è entrato in farmacia rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-1,4%). Tuttavia queste persone hanno comprato di più e soprattutto hanno speso di più (+0,5% sulle confezioni e + 2,3% sulla spesa).

Figura 1 | Meno ingressi ma più spesa. L’evoluzione degli acquisti in farmacia nel primo semestre 2017

La situazione è omogenea in tutte le farmacie italiane, anche confrontando le 4 aree Nielsen (Nord Ovest, Nord Est, Centro + Sardegna, Sud + Sicilia). Le situazioni più distanti sono tra il Nord Ovest, che vede una contrazione più elevata del numero di scontrini e un aumento superiore a tutte le altre aree sulla spesa media, e il Sud + Sicilia, dove l’aumento del consumo e della spesa è più contenuto.

Abbiamo voluto approfondire ulteriormente l’analisi confrontando le farmacie delle 6 maggiori città italiane (Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo e Genova) con le farmacie del resto del territorio e abbiamo avuto conferma che nel gruppo delle città metropolitane, si entra meno in farmacia ma si spende di più, mentre nel resto d’Italia c’è meno distanza tra la diminuzione degli ingressi e la spesa media.

Figura 2 | Meno ingressi ma più spesa. L’evoluzione degli acquisti in farmacia nel primo semestre 2017

Infine, sono le farmacie piccole (per fatturato rispetto alla media nazionale) che risentono maggiormente della diminuzione della media di scontrini e che raccolgono meno sul versante della spesa media effettuata per atto di acquisto. Anche le farmacie medie e grandi hanno un comportamento simile, che si riflette sull’andamento nazionale di questo fenomeno di concentrazione della spesa in farmacia in minori atti di acquisto.

Aggiornamento 11/2017

linkedin twitter email

2017-11-08T18:00:34+01:00 Categorie: CONSUMER HEALTH|Tag: , , |