VENTI DI NOVITÀ PER I NOSTRI OCCHI

POSTATO IN CATEGORIA
A cura di Laura Gatti

Venti di novità per i nostri occhi | IMS Health Magazine

Cornice_blu

Ho passato la vita a guardare negli occhi della gente, è l’unico luogo del corpo dove forse esiste ancora un’anima

Josè Saramago

Gli occhi, specchio dell’anima, luogo del cuore, ricettacolo di verità oltre ogni finzione, non possono che meritare tutta la nostra attenzione e cura.
Tralasciando le definizioni suggestive e romantiche resta il fatto che occhi e vista concentrano tutte le nostre ansie nel momento in cui pensiamo alla salute.

Oltre ai farmaci che ci vengono prescritti per problemi specifici, dunque, in farmacia vengono dispensate ogni anno quasi ventotto milioni di confezioni di prodotti di libera vendita per la prevenzione oculare.

Si tratta principalmente di lacrime artificiali (undici milioni di confezioni) ma anche antisettici ed integratori oftalmici. Le lacrime artificiali rappresentano il primo mercato anche dal punto di vista dei fatturati che sommano a 210 milioni di euro annui (valori a realizzo industria) fra lacrime, antisettici, igiene oculare, etc.

Questo è un segmento estremamente dinamico in cui otto confezioni su dieci sono di prodotti lanciati negli ultimi ventiquattro mesi. La crescita è infatti definita dai nuovi brand: quasi quattordici milioni di nuovo fatturato che hanno bilanciato le leggere perdite dei marchi presenti da più tempo sul mercato e creato un incremento del 6,5% a valori rispetto ai dodici mesi mobili terminanti a marzo 2015.

Mercato oftalmico di libera vendita in farmacia | Venti di novità per i nostri occhi

Le lacrime artificiali e gli integratori oftalmici sono le aree in cui l’innovazione ha pesato di più, rispettivamente con l’11% ed il 9% del fatturato totale. Negli ultimi ventiquattro mesi risultano lanci per 39 brand di lacrime artificiali ed addirittura 65 integratori ma pochi raggiungono soglie di fatturato significativo; una manciata di prodotti concentra più del 50% del fatturato dei nuovi lanci.

Quando si tratta di occuparsi del bene considerato fra i più preziosi, sebbene in un contesto di prevenzione e non di cura, non ci sono dubbi: i pazienti-consumatori preferiscono la farmacia che infatti assorbe il 92,5% dei volumi.

Questa dinamica si spiega anche considerando che lacrime artificiali ed integratori oftalmici sono nelle prime posizioni dei prodotti di libera vendita più consigliati dai medici specialistici.

Aggiornamento 05/2016

linkedin twitter email